Approfondisci un tema

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Veg e Bambini : Articolo della Coop - Una corretta alimentazione vegetariana mostra perfino un miglior accrescimento per i bambini
Inviato da societavegetariana il 28/4/2010 6:20:00 (3452 letture) Articoli dello stesso autore

05/04/10 - Fonte "Sito Coop - alimentazione bambini"

I tempi cambiano, adesso addirittura nel portale che la Coop dedica all'alimentazione :
"Bimbi e Alimentazione", ecco che un medico nutrizionista, il dott. Federico Mordenti, dell'Azienda Ospedaliera S. Camillo - Forlanini di Roma descrive le virtù positive della dieta vegetariana, ovviamente anche per bambini.
- Leggi l’articolo on line oppure
- Leggi e scarica l’articolo in pdf oppure
- Leggi e scarica l’articolo in pdf con le parti importanti evidenziate in giallo

Durante il percorso di lettura di questo testo citeremo anche queste tre note, sempre della Coop
- Gli impegni della Coop per una corretta alimentazione - giugno 09
- 10 consigli per un bimbo in forma
- Linee Guida Coop per una corretta alimentazione dell’infanzia - giugno 2009

Rilevante che nell'articolo il medico attribuisca ai vegetariani 'miglior cultura nutrizionale'.
Ma non è poi così difficile aver miglior cultura nutrizionale, no? Basterebbe ignorare le televisioni e leggere, osservare, ragionare.
Infatti, la stessa Coop, nelle sue - Linee Guida Coop per una corretta alimentazione dell’infanzia - giugno 2009 a pag.13 consiglia “il controllo dell’utilizzo della TV da parte dei figli, spegnendola durante i pasti e limitandone la fruizione a non più di due ore al giorno. Ai bambini vanno spiegate le finalità degli spot pubblicitari”.

Leggi la sintesi dell’articolo e degli allegati…

Una sintesi dell’articolo e degli allegati.
Dopo aver detto che il vegetarianismo in Italia rappresenta un fenomeno in crescita, il medico scrive che diete latto-vegetariane o latto-ovo-vegetariane ben bilanciate non portano affatto a rischi, anzi diversi studi mostrano perfino un migliore accrescimento ed un minor numero di anemie da carenza di ferro nei bambini cresciuti seguendo quegli stili nutrizionali.

Ecco perché chi le segue obietta, con cognizione di causa, che un’alimentazione vegetariana bilanciata e non restrittiva ha un effetto protettivo verso tante malattie come l’obesità (l’indice di massa corporea degli adolescenti vegetariani risulta minore rispetto quello dei coetanei), le malattie cardiovascolari (colesterolo e omocisteina sono più basse nei vegetariani), il diabete dell’adulto, il cancro, l’osteoporosi, le malattie renali e la demenza senile.

C’è poi un altro aspetto interessante da notare – sostiene il medico - e cioè che i bambini e gli adolescenti vegetariani presentano un’alimentazione sostanzialmente più attenta rispetto ai coetanei onnivori e questo non solo per l’ovvio e necessario maggior consumo di frutta e verdura, ma soprattutto per la minore assunzione di snack salati, merendine, dolci vari e cibi pronti, nonché per una migliore cultura nutrizionale necessaria proprio ad evitare carenze e squilibri.

Leggendo gli articoli e gli allegati vediamo come stia maturando una consapevolezza alimentare
che magari per alcuni è scontata, ma per tanti altri no.
Sempre nel sito della coop, vengono dati - 10 consigli per un bimbo in forma
Anche questo è un segnale positivo dei tempi che cambiano. In fatti leggiamo
- Abitua tuo figlio a consumare frutta, verdure e ortaggi, legumi e prodotti integrali
- Abitua il tuo bambino ad un uso moderato del sale
- Abitua il tuo bambino a usare l’acqua, se ha sete, e non bevande zuccherine, gasate o succhi di frutta
(ricordiamo che affermazioni simili sono nel sito della Coop che vende salumi e Coca Cola)
Fa sorridere (e riflettere) che nello stesso portale della Coop il consiglio n.1 sia :
“Nutri solo con il tuo latte il tuo bambino per almeno i primi 6 mesi di vita e comunque il più a lungo possibile - Il latte materno è l’alimento migliore poiché è stato selezionato dall’evoluzione per la crescita ottimale del cucciolo d’uomo”.
Se nel 2010 c’è la necessità di affermare che il latte materno è l’alimento migliore significa che mass media e società hanno fatto si che tante mamme “se lo dimenticassero”.
Tra l’altro a pagina 11 delle Linee Guida per una corretta alimentazione dell’infanzia il consiglio si amplia, infatti viene riaffermate il privilegio dell’allattamento al seno, “il più possibile esclusivo per i primi sei mesi di vita e comunque mantenuto, se possibile, fino ai due anni di vita

Sempre nelle Linee Guida, leggiamo :
pag. 7 :
- (le cause dell’obesità) Dieta inadeguata, ipercalorica, sbilanciata a favore di alimenti ricchi di proteine animali (carne, insaccati), di zuccheri semplici (ad es bevande dolcificate, merendine, biscotti ecc..), di grassi saturi (carni, insaccati, formaggi e prodotti da forno dolci come merendine, biscotti, snack salati come patatine, ecc..), per contro povera di fibre (verdure, frutta); con un consumo eccessivo di snack, spesso con colazione omessa, mentre la cena ha valori calorici superiori a quelli del pranzo.
pag. 11 :
- Incrementare il consumo di frutta, verdura, ortaggi e legumi nell’alimentazione abituale della famiglia (si consiglia di assumere 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura e 2-3 volte alla settimana i legumi).
- Ridurre i grassi a tavola, in particolare: salumi insaccati, fritti, condimenti elaborati. Evitare di eccedere nel consumo di alimenti dolci.
pag.13 :
- Evitare l’uso di bevande dolcificate e/o gassate al posto dell’acqua. Evitare infine l’uso dei succhi di frutta come sostituti della frutta
- Controllo dell’utilizzo della TV da parte dei figli, spegnendo la TV durante i pasti e limitandone la fruizione a non più di due ore al giorno. Ai bambini vanno spiegate le finalità degli spot pubblicitari.
pag .15
- Riduzione dell’apporto di grassi e proteine di origine animale: ad esempio, relativo al consumo di formaggio, carne, salumi.
- Aumento dell’apporto di cereali, specie integrali (determinando in tal modo un maggior intake di fibre e di zuccheri a basso indice glicemico).
- Ridotta assunzione degli zuccheri ad elevato indice glicemico perché meno sazianti di quelli ad indice glicemico più basso.

Infine, nell’articolo - Gli impegni della Coop per una corretta alimentazione - giugno 09
Coop garantisce che
- predisporrà una campagna informativa e di educazione alimentare, sotto la supervisione delle principali Società Scientifiche attive nella lotta all’obesità infantile, per sensibilizzare i genitori sul tema della corretta alimentazione e corretti stili di vita dei bambini;

e che accanto ai valori trasversali peculiari del marchio Coop (assenza di coloranti, grassi idrogenati, ridotto uso di conservanti):
- si eviterà l’utilizzo di grassi tropicali come l’olio di palma e di cocco, ricchi di grassi saturi aterogeni ed aromi artificiali (saranno utilizzati solo aromi naturali);

- si ridurrà l’apporto calorico, i macronutrienti critici (come i grassi, i grassi saturi, gli zuccheri semplici ed il sodio) aumentando quelli virtuosi (come ad esempio le fibre).

- si elimineranno i prodotti a marchio Coop già presenti in assortimento e specificamente destinati ai bambini che non sia possibile riformulare secondo le indicazioni della presente linea guida.

- verrà inserita una specifica etichettatura nutrizionale volontaria, che dovrà comprendere le seguenti informazioni: tabella nutrizionale estesa, tabella nutrizionale per porzione, ove possibile le GDA, Guidelines Daily Amounts (quantità giornaliere indicative) per un bambino, per porzione, relative a: calorie, zuccheri semplici, grassi totali e saturi, sodio.
Vista l’estrema variabilità della spesa energetica legata alla differenza di età, sesso, altezza ed attività fisica, si adotteranno percentuali delle quantità giornaliere indicative per un bambino/a di 7- 8 anni, che svolge un’attività fisica moderata calcolate sulla base di una spesa energetica media giornaliera di circa 1625 Kcal (dato medio fra maschio e femmina), calcolate secondo il documento congiunto FAO/WHO/UNU pubblicato nel 2001.

Due Conclusioni.
Sono, quelle lette, affermazioni inequivocabili che fanno ormai tantissimi medici, nutrizionisti e scienziati.
1) Se proprio dovessimo sottilizzare, l'osservazione che questa dieta deve essere seguita da un medico è sicuramente valida, nondimeno dicendolo in questo modo, si lascia ancora nell'immaginario collettivo l'altra idea che invece l'alimentazione onnivora per un bambino dia più certezze al punto che non serva l'attenta presenza del medico.
A tuttoggi, gli ospedali sono invece pieni di pazienti onnivori, grandi e bambini, affetti da malattie del benessere (obesità, diabete, cardiopatie, disfunzioni renali ed epatiche, vari tipi di tumore)

2) Chi ha scelto una alimentazione vegan, si sorprenderà ovviamente in negativo, che ancora una volta, pur in un articolo dai toni scientifici e assolutamente favorevole alla scelta vegetariana, si scrivano le solite superficialità : ‘dieta restrittiva’ ‘rischio di carenze di ferro, zinco, calcio’. Sono superficialità che la stessa scienza medica a livello mondiale non conferma (vedi ad es. l’articolo "Donne vegane e onnivore hanno a stessa densità ossea"), ma non possiamo pretendere che il cambiamento di opinioni (personali o scientifiche) avvenga da un giorno all’altro. Forse nemmeno 5 anni fa si poteva prevedere una ammissione così esplicita che studi sull’alimentazione vegetariana mostrano perfino un migliore accrescimento ed un minor numero di anemie da carenza di ferro nei bambini cresciuti seguendo quegli stili nutrizionali.
Fra l’altro già alcuni ospedali si adeguano a proporre menù vegani (non vegetariani ma vegani), vedi l'Ospedale Martini dell’Asl To1 (Unità di Senologia) .
Il nuovo Istituto Europeo di Oncologia (Ieo 2), a fianco di quello già attivo da anni in via Ripamonti a Milano, del prof. Umberto Veronesi prevederà pasti vegetariani e intere città nel mondo propongono ufficialmente l'alternativa vegetariana.

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questo articolo -
Pagina per la stampante Invia questo articolo ad un amico Crea un PDF dall'articolo


Altri articoli
3/6/2016 8:30:00 - Sinu (Società Italiana di Nutrizione): vegani/vegetariani, scelta fidata
8/5/2016 9:00:00 - Genova - Libreria Feltrinelli. Conferenza "Vegan Italia"
28/12/2015 10:30:00 - Maiali torturati tentano disperatamente e inutilmente di fuggire dalla Bestia Umana
8/12/2015 21:40:00 - Allevamenti intensivi - La maggiore fonte di inquinamento
24/9/2015 21:10:00 - Lista generale "Nutrizione - articoli scientifici"

Questo sito nasce dal progetto "Mettiti in circolo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2007 The XOOPS Project
:: phpbb2 Apple Green Style by Daz :: theme & logo by arwen_h & SorrisoTriste ::