Approfondisci un tema

 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

<Nutrizione - articoli scientifici> : Le diete ad alto contenuto di grassi e il diabete
Inviato da societavegetariana il 15/2/2009 16:00:00 (2039 letture) Articoli dello stesso autore
<Nutrizione - articoli scientifici>

15/02/09 - Fonte qui

Le diete ad alto contenuto di grassi fanno diventare cattiva la variante "buona" di un gene

La variante Ala12 del gene Pparg2 è protettiva per il diabete, ma una dieta ricca di lipidi induce un effetto opposto modificando il gene....

Il gene in questione si chiama Pparg2 e riveste un ruolo primario nell'accumulo di grasso e nel mantenimento dei livelli di glucosio e della sensibilità all'insulina.

La versione comune Pro12 del gene è stata associata ad un aumento del rischio di diabete di tipo 2.

Al contrario, la versione più rara Ala12, di cui è portatore circa il 12% della popolazione, sembra abbassare il rischio di obesità in molte persone.
In alcune persone però, l'Ala12 sembra avere l'effetto contrario.
In questo recente studio i ricercatori hanno esaminato in dettaglio questa anomalia.
Lo studio è stato effettuato sui topi (ndr. il cui utilizzo è totalmente negato da Società Vegetariana)

Hanno studiato topi aventi diverse versioni del gene, nutrendone alcuni secondo una dieta normale ed altri secondo una dieta ricca di grassi.

Hanno scoperto che i topi nutriti secondo una dieta normale e sana, e aventi due copie della versione Ala12 del gene, sono più magri, migliorano la loro sensibilità all'insulina, hanno un migliore profilo plasma-lipidi e vivono più a lungo rispetto ai topi aventi due copie di Pro12.

"I nostri risultati sostengono l'opinione secondo la quale il Pro/Pro del Pparg2 è un genotipo di rischio che influenza negativamente l'omeostasi del glucosio e la durata della vita," concludono i ricercatori.

Quando però i topi aventi due copie di Ala12 sono stati nutriti secondo una dieta ricca di grassi, questi benefici sono scomparsi e gli animali sono diventati persino più grassi dei topi con la versione Pro12 del gene.

Secondo i ricercatori, ciò rivela un'importante interazione tra il gene Pprag2 e l'ambiente.
"Il ruolo protettivo del genotipo Ala/Ala dipende dal contesto dietetico, e ciò suggerisce che l'impatto metabolico di questa mutazione dipende fortemente dalle interazioni gene-ambiente," scrivono gli scienziati.

I ricercatori fanno notare che testare il gene per stabilirne la variante potrebbe essere uno strumento diagnostico utile per consigliare alle persone aventi la versione Ala12 del gene di seguire una dieta sana.

"Attraverso una consulenza dietologica, i portatori potrebbero essere avvertiti di stare attenti agli alti contenuti di grassi nella loro dieta," ha commentato Johan Auwerx dell'università Louis Pasteur in Francia e dell'Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne in Svizzera.

I ricercatori aggiungono che le nuove scoperte potrebbero portare allo sviluppo di nuove cure per il diabete di tipo 2 e per la sindrome metabolica.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questo articolo -
Pagina per la stampante Invia questo articolo ad un amico Crea un PDF dall'articolo


Altri articoli
3/6/2016 8:30:00 - Sinu (Società Italiana di Nutrizione): vegani/vegetariani, scelta fidata
8/5/2016 9:00:00 - Genova - Libreria Feltrinelli. Conferenza "Vegan Italia"
28/12/2015 10:30:00 - Maiali torturati tentano disperatamente e inutilmente di fuggire dalla Bestia Umana
8/12/2015 21:40:00 - Allevamenti intensivi - La maggiore fonte di inquinamento
24/9/2015 21:10:00 - Lista generale "Nutrizione - articoli scientifici"

Questo sito nasce dal progetto "Mettiti in circolo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2007 The XOOPS Project
:: phpbb2 Apple Green Style by Daz :: theme & logo by arwen_h & SorrisoTriste ::