I vegetariani hanno una pressione sanguigna più bassa (oltre 250 studi su 22.000 pazienti)

Data 13/3/2014 7:00:00 | Topic: <Nutrizione - articoli scientifici>

14/03/2014 - Fonti:
1) Testo in italiano - clicca qui
2) Fonte scientifica - clicca qui

Autori (Gli autori hanno dichiarato di non avere conflitti di interessi)
Yoko Yokoyama, Kunihiro Nishimura, Neal D. Barnard, Misa Takegami, Makoto Watanabe, Akira Sekikawa, Tomonori Okamura, Yoshihiro Miyamoto

Titolo
Vegetarian diets and blood pressure. A meta-analysis.

Pubblicato su
JAMA Intern Med. online February 24, 2014. doi:10.1001/jamainternmed.2013.14547

continua la lettura...
Si tratta di una ‘meta analisi’ in quanto gli scienziati hanno esaminato oltre 250 studi che riguardano le diete vegetariane combinando risultati provenienti da 39 studi precedenti, inclusi 32 studi osservazionali (che includevano i risultati della pressione sanguigna) e sette trial controllati. Complessivamente, sono stati coinvolti 22 mila pazienti.


I ricercatori del Cerebral and Cardiovascular Center di Osaka (Giappone), guidati da Yoko Yokoyamahanno registrato misurazioni nettamente differenti tra le persone onnivore e chi si nutre solo di vegetali.
Ha detto Yokoyama " Una dieta vegetariana è chiaramente associata a pressione sanguigna più bassa . Oppure, per dirla in altro modo , una dieta a base di carne è associata con più alta pressione sanguigna…Mangiare vegetariano è un buon modo per trattare l'ipertensione senza ricorrere a farmaci.”

Le persone che seguono una dieta vegetariana tendono ad avere una pressione sanguigna più bassa rispetto a quelli che seguono un'alimentazione non vegetariana.
Gli studi osservazionali hanno mostrato che i vegetariani avevano una pressione sistolica circa 7 mm Hg più bassa rispetto ai mangiatori di carne e una pressione diastolica di circa 5 mm Hg inferiore.
I partecipanti vegetariani ai trial clinici avevano invece, rispettivamente, una pressione di 5 e 2 mm Hg inferiore rispetto ai non vegetariani. (AGI) Red/Pgi

I ricercatori hanno anche sviluppato un programma, chiamato '21-day kickstart program', senza scopo di lucro, per insegnare ai medici e ai pazienti come introdurre piatti vegetariani nella propria dieta.
I medici forniscono per e-mail ricette, video e approfondimenti in diverse lingue oltre l'inglese, dallo spagnolo al mandarino al giapponese.

Sostengono i ricercatori che "consumare frutta, verdura, cereali e legumi significa aumentare il contenuto di fibre e di potassio, elementi in grado di ridurre i valori sistolici e diastolici.
Per alcune persone correggere l'alimentazione può bastare a mantenere la pressione nella norma senza ricorrere ai farmaci" anche perché “non vi è alcun costo aggiuntivo oltre che la normale dieta e in più si ottengono tutti gli 'effetti collaterali' di una dieta a base vegetale desiderabili : perdita di peso, abbassare il colesterolo, e un migliore controllo della glicemia.






Questo articolo e' di Essere Vegetariani
http://www.societavegetariana.org/site

L'URL di questo articolo e':
http://www.societavegetariana.org/site/modules/news/article.php?storyid=421